Home Page
Curriculum Vitae
- Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
BIOGRAFIA
 
Virginio Briatore, nasce nel 1955 a Ceva, in provincia di Cuneo, terzogenito di Luigi, operaio e pasticcere, e di Santina Garelli, casalinga, figlia di Emilio, mugnaio.
Alla morte improvvisa del padre, nel 1959, la madre è costretta a lavorare e la famiglia si trasferisce a Varigotti, sulla Riviera Ligure di Ponente.
Nel 1974 si diploma Perito Industriale Elettrotecnico presso l'Istituto Don Bosco di Ge-Sampierdarena.
Dal 1975 al 1976 studia Filosofia all'Università di Genova superando 14 esami.
Abbandonata l'Università viaggia ininterrottamente per 11 anni, lavorando e vagabondando in Italia, Europa, Africa e Nordamerica.
Nel 1975/78 lavora a più riprese come bracciante agricolo in Romagna, Alto Adige, Vaucluse, Côtes du Rhône, Holland.
Nel 1976 è in Provenza dove lavora fianco a fianco come apprendista muratore con Francois Leblanc, (laureato all’ Ecole Nationale d'Administration, ENA) maestro nel restauro di edifici in pietra.
Nel 1977 incontra la cultura araba, berbera e l'Islam soggiornando a lungo nell'Haute Atlas e nel Desert du Dra. A novembre affitta un Trullo nelle campagne di Martina Franca, in Puglia Nell'estate del 1978 lavora nuovamente in Provenza, ospite del pittore Gustav De Staël nel castello già appartenuto al padre, Nicolas De Staël.
Nel 1979 acquista un piccolo trullo con oliveto nell'agro di Ceglie Messapica e vi stabilisce la residenza ufficiale che vi manterrà fino al 1990. Continua l'apprendimento delle costruzioni a secco lavorando presso "mastro" Mario Argese, uno degli ultimi costruttori di trulli.
Per sette anni, 1980/86, nella stagione estiva, lavora come Bagnino di Salvataggio presso l'Hotel Stella Azzurra a Varigotti, Savona.
Nell'autunno del 1980 attraversa il deserto del Sahara in autostop, in compagnia di Pierre Rouzet, attuale responsabile del Sistema dei Trasporti Pubblici della "Ville de Nimes" (www.ville-nimes.fr) e successivamente si ferma, da solo, presso le popolazioni Fulbe che vivono sugli isolotti del fiume Niger a nord di Tillaberi, ai confini tra Niger e Mali.
Nel 1981 raggiunge il Ghana e vive a più riprese con i pescatori Fanti della Golden Coast tra il capo di Prince's Town e le lagune della Ivory Coast.
Nell'inverno 1982 sosta ad Heidelberg, Hannover, Bruxelles, dove stringe amicizia con la performer Suzon Fuks (www.igneous.org.au) e con il fotografo John Vink, oggi Magnum Associated e residente in Cambogia http://johnvink.com , poi a Parigi, Toulouse e nei Pirenei Orientali.
Nel 1983 è a New York, ospite di Marie Claude Merlaud Ponty, moglie di Michael Hays, docente alla Columbia University ed essa stessa ricercatore presso il medesimo ateneo. Non gli è difficile quindi avere accesso ai party e alla biblioteca.
È amico dell'artista Wendy Nox-leet che espone da Salvatore Ala, della stilista di origine caraibica Washty Du Verteuil (facebook) presso cui conosce e frequenta Keith Haring.
Dopo New York si trasferisce a Toronto ospite dell'artista Barbara Astman, che espone da Sable-Castelli www.barbaraastman.com. Nel 1985 è nuovamente a Manhattan.
Nel novembre 1986 si è ferma a Lecce in compagnia di Giuseppe Attoma Pepe (attuale responsapile della corporate identity della Banque de Luxembourg e della nuova interfaccia digitale della Metropolitana di Parigi.
(www.attoma-design.com). Inizia l'attuale professione lavorando presso lo Studio Atlantide di Francesco Spada che si occupa di design, architettura e comunicazione visiva e fondando con altre persone il mensile ForYou.
Nel 1988 incontra Norman Mommens, scultore, scienziato e filosofo, e Patience Gray, scrittrice, che abitavano presso il Capo di Leuca e che fino alla loro morte (2000-2005) lo hanno onorato della loro amicizia Dal 1990 al 1995 ha lavorato a Treviso, dove inizia a collaborare come copywriter con l'agenzia Umbrella, collaborazione tutt'ora in corso e, sempre nel 1990, inizia a scrivere per la testata MODO.
Nel 1993 viaggia con la futura moglie nell'India del Sud, dove ritornerà negli inverni del 1995, 2002 e 2004 per raggiungere infine Varanasi.
Nel 2005 viaggia per sei mesi con battelli pubblici da Venezia a Bisanzio, alle radici dell'estetica occidentale, dormendo e camminando in 23 isole.
Dal 1994 affitta una casa nel centro di Milano dove si reca tre notti a settimana, per 40 settimane all'anno.
Dal 1995 vive a Ravenna (per tre anni nella casa in cui visse e morì Dante) con la moglie Rita e i figli Luigi, 1996, e Valentino, 1998.

 

 
OPERE
 
Virginio Briatore è un filosofo del design, studioso dei linguaggi contemporanei e si occupa prevalentemente di Life Design.
La sua vita professionale si articola in cinque attività, tutte inerenti il design:

 

 
1. Consulente aziendale
 
Dal 1999 al 2009 è stato Design Director di Villa Tosca Design Management Centre di Milano, centro ricerche europeo della multinazionale giapponese Matsushita. Per Villla Tosca è sato Editor della testata "aedo-ba" e ha curato in particolare la strategia di comunicazione e l'introduzione di nuovi designer. In dieci anni ha invitato a lavorare per il centro circa 150 fra product designer, grafici, fotografi, web designer che hanno progettato la prima lavatricite europea della società americana Maytag; telefoni cellulari, wearables computer, videocamere digitali, aspirapolvere, forni a microonde per Panasonic; bici elettriche e poltrone automassaggianti per National, videocamere, audio compact, earphones, speakers per JVC, stampanti per Epson, lampade per Lumencenter Italia, effettuato ricerche sulla casa europea per i televisori e i videoregistratori JVC, ricerche internazionali on line e off line sulle modalità d’uso e sui trend stilistici per Epson e Samsung, disegnato siti e pagine web per Panasonic, Villa Tosca, Aedo-to.com, Lumencenter Italia.
Sempre per Villa Tosca è stato Editor in Chief ed animatore del portale della creatività www aedo-to.com nato per progettare on line, che in 8 anni di attività ha distribuito circa 500.000 € di premi e ricompense e promosso 27 opportunità di lavoro per i designer, con clienti quali Lumencenter Italia, Martini & Rossi ( otto edizioni) , Safilo, CONAI, Fratelli Guzzini ( due volte), Macef/Fiera Milano, Neri Illuminazione, Lineapelle (2 volte), TCI elettronica, Toshiba, Epson, Lunetiers du Jurà, JVC, Dainese, Wako Japan, Citroen, Lavazza.
È stato consulente a contratto per Fratelli Guzzini spa dove ha coordinato il progetto Made in Europe, mirato a realizzare attrezzature per la cucina e per la casa, progettate da designer europei. È stato consulente a contratto per Jolly Pubblicità spa col compito di elaborare e diffondere la cultura dell'arredo urbano.
Per 8 anni dal 2001 al 2009 è stato consulente per i trend e la comunicazione sui trend dell'ente Fiera Lineapelle dove ha curato l’area semantica e i concept per 16 stagioni del trend book.
Dal 2007 è consulente per il design, la corporate image e l’architettura della Lavazza SpA.
Per Lavazza ha curato tre libri e relative mostre:
Lavazza Design Family, Torino World Design Capital 2008,
Lavazza Design Paradise, Fuori Salone 2009, http://www.designparadiso.it
Lavazza Design Machine, Fuori Salone 2010. http://www.lavazza.it/corporate/en/news/Salone_2010.html
Nel 2009 è stato consulente per l’azienda tedesca Sedus, per cui ha coordinato un concorso di architettura per la realizzazion della nuova sede di Sedus Italia, coinvolgendo quattro primari studi di architettura italiani.
Dal 2009 è consulente per la comunicazion e gli eventi culturali dello studio di progettazione e architettura Lombardini 22. http://www.lombardini22.it

 

 
2. Freelance writer
 
Senza essere né giornalista né pubblicista dal 1987 scrive per varie testate, ha pubblicato circa 500 articoli di cui oltre la metà tradotti in lingua estera. Dal 1990 al 1995 nella redazione di MODO Design Magazine, è dal 1996 contributing editor della testata INTERNI per la quale ha ideato la rubrica Giovani Designer in cui ha già promosso il lavoro di circa 150 giovani. Inoltre scrive o ha scritto per :
Interni-Panorama, Interni Annual International, D.la Repubblica delle Donne, atcasa/corriere.it, Io Donna/Corriere della Sera, Case da Abitare, Graphis-New York, Design Week-Londra, Revista Florense-Sao Paulo, Surface-New York, DAMn° Bruxelles.
Fra le interviste/dialoghi più interessanti citiamo
Uliano Lucas, fotografo;
Philippe Stark, designer;
Wolfang Sachs, sociologo;
David Byrne, musicista, artista;
Godfrey Reggio, regista cinematografico;
Ernesto Gismondi, imprenditore, proprietario di Artemide;
Paolo Portoghesi, architetto;
Gaetano Pesce, architetto, designer, artista;
Roberto Pezzetta, design director Electrolux;
Oliviero Toscani, fotografo;
Michele De Lucchi, architetto e designer;
Renzo Rosso, imprenditore, proprietario di Diesel;
Carlo Massarini, autore e conduttore radio-televisivo;
Alain Mikli, designer, imprenditore, proprietario di Mikli Lunettes;
Nasir Kassamaly, imprenditore, proprietario dei negozi Luminaire USA;
Patrizio Roversi e Syusy Blady, autori e conduttori televisivi;
Lee Edelkoort, trendsetter, editor di View on Colors, rettore Design Academy Eindhoven;
Marc Sadler, designer;
Aldo Cibic, designer;
Teruo Kurosaki, imprenditore dei negozi Idee a Tokio e del marchio Sputnik;
Luigi Colani, designer;
Luigi Clemente Molinis, designer;
Ennio Capasa, fashion designer, proprietario di Costume National;
Achille Castiglioni, designer;
Gillian Crompton Smith, direttore del Interaction Design Institute Ivrea,
Lino Dainese, imprenditore e designer;
Piero Lissoni, architetto e designer;
Rodolfo Dordoni, architetto e designer;
Tobia Scarpa, architetto e designer;
Peter Greenaway, regista cinematografico;
Stefan Seigmaster, graphic designer;
Denis Santachiara, designer
Amrtya Sen, ex rettore di Cambridge, prof.Economia e Filosofia morale ad Harvard, Nobel per l’Economia.

 

 
3. autore di saggi e libri
 
Ha pubblicato 11 libri:
Giacomo, Angelo, Sergio, Claudio Caramel Attraverso il '900, L'Archivolto, Milano 1995.
Il candidato Indiano, Edizioni Leucasia, Presicce- Lecce 1998.
Luciano Bertoncini designer; Ricerche Design Editrice, Corsico- Milano, 1999
Restyling Meraviglie e miserie del progetto contemporaneo; Castelvecchi, Roma, 2000.
Denis Santachiara; editrice Abitare Segesta, Milano 2002.
Dainese, il design salva la vita; editrice Abitare Segesta, Milano 2004.
Lighting Design Europe, Lusco editora, Sao Paulo, Brasil. 2004
Nirvana Inferno, Edizioni Leucasia, Presicce- Lecce 2005.
Gabriele Pezzini, Il guerriero del design, Logos Edizioni Modena, 2006.
Setsu e Shinobu Ito, East West designers, Logos Edizioni, Modena 2009.
Lettere agli amici. In viaggio fra Venezia e Bisanzio, Ed. Leucasia, Presicce- Lecce 2010

 
Ha scritto saggi per cataloghi e mostre tra cui:
Una storia scolpita nel legno; Grafiche Vianello,Treviso, 1993.
Carlo Scarpa, Il sogno del moderno; Fiera di Verona 1994.
Segnidisegni, Ritratti di persone e cose; a cura di Cristina Morozzi, L'Archivolto, 1996.
Il Tempo e la Moda, Biennale di Firenze, Skirà Editore,1996.
Aldo Cibic, designer; Basilica Palladiana, Vicenza 1999.
Valencia Biennial, Comunicaciòn entre las artes, Charta Editore, 2001
“Le forme del Legno”, Museo d’Arte Contemporanea di Cavalese – Trento, 2004
Italianità, a cura di Giulio Iacchetti, Edizioni Corraini, 2009
Oggetti Disobbedienti, Giulio Iacchetti, edito da Triennale di Milano/ Electa. 2009

 

 
4. didattica
 
È fra i fondatori della Akademie für Design Bozen, (ora diventata la prima Facoltà di Design italiana a nascere autonomamente anziché essere emanata dalle Facoltà di Architettura o Ingegneria) dove è stato membro del Comitato Scientifico e Docente Ospite.
Ha tenuto conferenze e partecipato a seminari in tre continenti, sia in ambiti istituzionali che commerciali quali;
il Merchandise Mart a Chicago, The Ministry of Commerce&Industry a New Dheli, il Centro Ricerche Fantoni in Friuli, la Fiera di Vicenza, la Fiera di Genova, Assolombarla, che presso istituzioni culturali, quali il Centre Jacques Cartier di Lione, il Caffé Pedrocchi di Padova, il Teatro Toniolo di Mestre, la Fnac di Milano, il Centro dell’Artigianato di Breghenz, la Design Library di Milano ( 3 volte) http://www.designlibrary.it/index_milano.htm, la Dream Design Factory di Istanbul, La galleria Design Transfer della Università di Berlino, http://www.designtransfer.udk-berlin.de/index.php?n=Fotogalerie.ItalianJourney che universitari quali;
il Politecnico di Milano, la Facoltà di Architettura di Palermo, l'Istituto Universitario di Architettura e UPA Cà Foscari a Venezia, il CLADIS di VE-Treviso, l'Indian Institute of Technology di Bombay, la London Metropolitan University, La School of Art Design&Media della Nanyang Technological University di Singapore, la Facoltà di design dell’Università Burg Giebichensteinad di Halle, in Germania
Nel periodo 2003/09 ha tenuto diversi interventi presso altrettanti corsi di Master organizzati da: PO.LI.MI, Domus Academy, Scuola Politecnica di Milano, Istituto Europeo di Design a Milano e a Roma, l'Università Alma Mater MBA in Bologna.
È stato membro di giurie di premi e concorsi tra cui, negli ultimi anni:
Concorso di Design Sostenibile ZeroNine del European Economic and Social Commmittee, (EESC) a Bruxelles, presidente Irini Pari Ivoni http://www.eesc.europa.eu/events/2009-09-design/video.html
Premio Dedalus Giovane Designer Europeo, Abet Laminati, Bra, presidente Andrea Branzi.
Concorso Promosedia, progettazione sedia europea, Udine, presidente Augusto Morello.
Sette edizioni del Concorso Bombay Sapphire Martini Art Student Collection, Milano, presidente Aldo Cibic e di seguito tutti i concorsi on line organizzati da aedo-to.com e che prevedevano una giuria: CONAI The new domestic Trashscape; Premio Macef Design, F.lli Guzzini Woman x women; TCI- Regulate the Light, Wako, Citroen C-Design.

 

 
5. copywriter
 
In qualità di copywriter collabora con agenzie, grafici e aziende col compito di attribuire nomi, sviluppare concept, elaborare testi, finalizzati alla corporate e alla comunicazione aziendale tra cui, negli ultimi anni:
 
Alleanza Assicurazioni- MI – testi sito web ( presentato 2004)
Alpes Inox - VI - elettrodomestici;
Bisazza -VI- mosaici e vetri;
Brembo- BG - componenti auto;
Costume National -MI- moda;
Faram - TV- arredo ufficio;
Ing. Castaldi Illuminazione – MI - illuminazione
Kristallux - Even -PD- accessori bagno;
Omnidewcor- CO- vetri satinati per l’architettura
Pallucco – TV – arredi e illuminazione;
RDS-Kleis- PD- maniglie;
Roces -TV- pattini inline;
Sedus Stool - CO - arredo ufficio;
Serralunga –Biella- arredi outdoor/indoor
Societé Lemarchand -Parigi- arredi;
Studio Sottsass ( DuPont-Corian) - MI- USA - rivestimenti per l’architettura.