Home Page
>1979 > 1 2
- Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
La niche aux coquelicots
 

Anche se la foto è stata scattata nel 1985, la composizione risale alla notte del primo maggio 1979, la prima notte nel Trullo del Pruno. Christiane aveva raccolto alcuni papaveri  (nostri fiori preferiti, per sempre) e li aveva messi in un flacone di vetro.  Rosso vivo nella nicchia bianca, a sinistra del letto, nel cono trullare che era la stanza del sonno. Per  vent’ anni, nei giorni che sono rimasto al trullo, in quella nicchia ci sono sempre stati fiori di campo… Cristina,  la ballerina di Bari, rivoltando all’ingiù i petali di un papavero e avvolgendoli attorno allo stelo a mò di vestito, costruì una ballerina  (piccola a sinistra) che a lungo ha danzato immobile nella nicchia lattea. Foto John Vink