Home Page
>1983 > 1 2
- Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi - Clicca - per visualizzare tutti gli eventi
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
La Città Verticale
 
Tornato dal mio primo inverno a New York, decisi di farmi anch’io una città verticale. Mi aiutò Suzon Fucks, una scenografa e videomaker belga che avevo incontrato nella grande Mela, che poi avrei rivisto a Cochin in India 12 anni dopo e che spero rivedere in Australia dove adesso vive. Suzon un giono stava filmando la gente che usciva dal metrò nell’ora di punta al Rockfeller Center… fra migliaia di esseri che andavano di fretta la sua lente inquadrò un tipo che stava fermo a guardare il cielo. Ero io. Lei mise giù la telecamera e mi venne a parlare. Così ci siamo conosciuti. Al trullo mi fece un sacco di foto buffe, tra cui questa in cui sono ridicolo ma che amo molto per via degli occhiali da sole originali degli anni 50, che avevo comprato da un rigattiere a Martina Franca, per duemila lire. Anche la pietra aperta come un libro non mi dispiace… la lasciai aperta per dieci anni almeno.